L&TC esperienza e tecnologia: i segreti della logistica

L&TC

Esperienza e tecnologia: i segreti della logistica

Ogni volta che facciamo shopping, difficilmente ci interroghiamo su come un determinato oggetto finisca proprio sullo scaffale dove abbiamo posato gli occhi. Telecinesi? Potrebbe quasi essere così se consideriamo con quanta semplicità Logistics & Traffic Centre ci spiega l’ingegnoso piano di lavoro che ha messo a punto, facendosi ponte così fra produttore e consumatore.

Per capire meglio di cosa si tratta abbiamo incontrato Valentina Cappelletti, guida dell’ufficio marketing.

Allora Valentina, di cosa stiamo parlando?
Essenzialmente di logistica, il nostro è un progetto organizzativo, gestionale e strategico che coordina i flussi dei materiali e delle loro relative informazioni, dalle origini presso i fornitori, fino alla consegna del prodotto finito al cliente. Da venti anni integriamo i nostri servizi al settore della moda e del lusso in genere, offrendoci come partner logistico di tutti quei clienti che intendono mantenere un alto livello di competitività sul mercato. La nostra filosofia è semplificare la vita dei nostri clienti, seguendo in particolare il prodotto in tutte le sue fasi, dal ciclo logistico alla distribuzione.

Logistica abbinata alla moda quindi, ma da cosa nasce l’idea si avviare un’impresa del genere?
Innanzitutto, dall’esigenza di un’attività di questo genere che in Italia mancava, la L&TC è una delle poche che nel nostro territorio, tratta questo settore. Dal 1992 l’esperienza raccolta ci ha insegnato ad occuparci di tutti quegli articoli che ruotano intorno al mondo dell’abbigliamento e che attraverso la lavorazione di materiali pregiati, ci hanno fornito il background necessario per trattare nel modo migliore i prodotti dei più importanti stilisti italiani e internazionali.

Ci pare di capire che oltre all’esperienza siente in grado di offrire anche una buona dose di competitività sul mercato.
In effetti è così, la L&TC è anche la prima impresa autoctona che si avvale della tecnologia RFID applicandone i benefici al mondo della moda. Tale investimento, ci ha resi protagonisti del prestigioso evento internazionale organizzato dalla rivista RFID journal a Darmstadt in Germania. Siamo stati molto fieri di essere premiati per questo nostro progetto che è l’unico ad essere concretamente attivo nel ciclo di lavoro giornaliero e inoltre, a essere stato realizzato internamente dai nostri tecnici informatici.

Per noi che non siamo addetti ai lavori, spiegaci cos’è questo RFID.
Il Radio Frequency IDentification (RFID) è una tecnologia per l’identificazione automatica di oggetti, animali o persone in grado di rispondere comunicando le informazioni in essi contenute. Un sistema di lettura senza fili in sostanza che consente di risparmiare tempo e denaro, riducendo notevolmente il margine d’errore. Attraverso il Tag cioè un contenitore elettronico di informazioni, per monitorare costantemente ogni prodotto rendendo possibile anche per il cliente di seguire on-line il percorso della propria merce.

Il cliente è quindi costantemente coinvolto nello sviluppo delle operazioni, e che altri servizi offre la L&TC?
Il nostro staff è altamente qualificato e offre servizi flessibili e adattabili alle esigenze di ognuno dei attuali quaranta prestigiosi marchi italiani e non. Si va dal ritiro del prodotto finito presso le fonti produttive al controllo qualità/ricondizionamento, passando attraverso le operazioni di preparazione dell’ordine e relativa spedizione a tutti i retailer del mondo. Ovviamente tutte le operazioni sono supportate da software progettati internamente, personalizzati per ogni cliente, grazie all’elevato livello tecnologico e alla competenza dei tecnici informatici. La L&TC è una realtà dinamica e ambiziosa che spicca per la qualità dei nostri servizi e per l’investimento nella ricerca tecnologica. Siamo anche pronti ad accettare nuove sfide, cercando di aprirci ad altri settori oltre che a quello del fashion, con la volontà di espandere il nostro raggio d’azione all’estero inserendoci quindi in un mercato internazionale.


 

Giugno 2011